FAGIOLO CUNEO IGP

| Posted by | Categories: IGP, ORTOFRUTTICOLI E CEREALI, PIEMONTE

mappa-italia-def-piemonte

 

IGP logo indicazione geografica protetta

 

Il Fagiolo Cuneo entra a far parte dell’elenco ufficiale dei prodotti tipici italiani grazie alla certificazione IGP ( indicazione geografica protetta ) che è stata rilasciata il 20 maggio 2011.
Essendo un prodotto IGP la certificazione prevede che almeno una fase del processo produttivo debba essere effettuata nella regione Piemonte.
Il fagiolo è una pianta della famiglia delle leguminose originaria dell’America centrale. Fu importato, a seguito della scoperta dell’America, in Europa dove esistevano unicamente fagioli di specie appartenenti al genere Vigna, di origine subsahariana: i fagioli del genere Phaseolus si sono diffusi ovunque soppiantando il gruppo del mondo antico, in quanto si sono dimostrati più facili da coltivare e più redditizi (rispetto al Vigna la resa per ettaro è quasi doppia). Il fagiolo viene coltivato per i semi, raccolti freschi (fagioli da sgranare) o secchi, oppure per l’intero legume da mangiare fresco (i fagiolini).
La particolarità del Fagiolo Cuneo IGP è di essere una varietà rampicante, per cui richiede nella coltivazione molto lavoro manuale. Dopo la preparazione del terreno, viene effettuata la semina, nel periodo tra aprile e luglio. Per il sostegno delle piante vengono utilizzate delle canne, legate insieme a 4 nella parte apicale, in modo da formare una bina, somigliante a una tenda indiana. Un filo orizzontale collega ciascuna di queste “tende”, in modo da rendere più rigidi e resistenti i tutori nei confronti delle intemperie e del progressivo peso delle piante rampicanti.
Nel corso dei mesi estivi i fagioli devono essere irrigati, a seconda delle condizioni climatiche e del periodo delle piante. Sono necessarie inoltre diverse lavorazioni del terreno tra le bine, al fine di aumentarne la permeabilità, la fertilità e la difesa dagli infestanti.
La raccolta delle granelle secche avviene quando le piante sono state recise e lasciate adeguatamente appassire.
La trebbiatura restituisce un prodotto che deve ancora essere lavorato: occorre infatti procedere alla pulitura, calibratura e cernita manuale, prima di avere il Fagiolo Cuneo IGP pronto per il confezionamento.

FAGIOLO CUNEO IGP FOTO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *