SALVA CREMASCO DOP

| Posted by | Categories: DOP, FORMAGGI, LOMBARDIA

mappa-italia-def-lombardia

 

 

DOP logo denominazione di origine protetta

Il Salva Cremasco entra a far parte dell’elenco ufficiale dei prodotti tipici italiani grazie alla certificazione DOP ( denominazione di origine protetta ) che è stata rilasciata il 23 dicembre 2011.
Essendo un prodotto DOP la certificazione prevede che l’intero processo produttivo debba essere effettuato nella regione Lombardia.
Il nome Salva si affermò quando i casari cremaschi usavano “salvare” il latte in eccesso producendo questo formaggio. Il Salva Cremasco DOP è un formaggio molle da tavola a pasta cruda, prodotto esclusivamente con latte di vacca intero, a crosta lavata, con stagionatura minima di 75 giorni. La zona di produzione del Salva Cremasco DOP comprende l’intero territorio delle province di Bergamo, Brescia, Cremona, Lecco, Lodi e Milano, all’interno della quale devono avvenire tutte le operazioni di produzione del latte, caseificazione e stagionatura. Il prodotto si presenta come una forma parallelepipeda quadrangolare con:
Faccia piana di lato compreso tra 11 e 13 cm o tra 17 o 19 cm
Scalzo diritto compreso tra 9 e 15 cm
Peso compreso tra 1,3 Kg. A 5 Kg
Crosta di spessore sottile, liscia a volte fiorita, di consistenza media con presenza di microflora caratteristica
Pasta con occhiatura rara distribuita irregolarmente. Ha consistenza tendenzialmente compatta, friabile, più morbida nella parte immediatamente sotto la crosta. Di colore bianco tendente al paglierino con l’aumentare della stagionatura. Il sapore della pasta è aromatico ed intenso con connotazioni più pronunciate con il trascorrere della stagionatura.
Durante il periodo di stagionatura, che si protrae per un minimo di 75 giorni, la forma viene frequentemente rivoltata e trattata con un panno imbevuto di soluzione salina o spazzolata a secco, al fine di mantenere le caratteristiche della crosta, contribuendo a far assumere alla forma la colorazione caratteristica. Non è ammesso alcun trattamento della crosta, fatte salve le spugnature con acqua e sale e l’eventuale uso di olio alimentare ed erbe aromatiche.

SALVA CREMASCO DOP FOTO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *