GRANA PADANO DOP

| Posted by | Categories: DOP, EMILIA-ROMAGNA, FORMAGGI, LOMBARDIA, PIEMONTE, TRENTINO ALTO ADIGE, VENETO

mappa-italia-granapadano

 

DOP logo denominazione di origine protetta

 

Il Grana Padano entra a far parte dell’elenco ufficiale dei prodotti tipici italiani grazie alla certificazione DOP ( denominazione di origine protetta ) che è stata rilasciata il 12 giugno 1996.
Essendo un prodotto DOP la certificazione prevede che l’intero processo produttivo debba essere effettuato nella regioni Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna, Veneto e Trentino Alto Adige.
La nascita del Grana Padano è una storia affascinante, che risale all’anno mille e all’ingegno dei monaci benedettini. L’opera di bonifica compiuta dai monaci Cistercensi dell’abbazia di Chiaravalle favorì il diffondersi dell’allevamento del bestiame, che generò ben presto una ricca disponibilità di latte, di gran lunga superiore al fabbisogno della popolazione. Fu così che i monaci misero a punto la “ricetta” del Grana Padano, geniale espediente per la conservazione dell’eccedenza di latte.
Nasce così un formaggio a pasta dura che stagionando, conserva i principi nutritivi del latte e acquista un sapore inconfondibile, dolce e saporito allo stesso tempo. Formaggio a cui viene spontaneamente attribuito il nome di “grana” per la pasta granulosa che lo caratterizza.
La fama del Grana Padano si consolida nel tempo e ben presto diviene formaggio pregiato protagonista dei banchetti rinascimentali di principi e duchi, ma anche principale alimento di sostentamento delle genti delle campagne durante le terribili carestie.
Un formaggio dalle due anime: ingrediente di spicco delle ricette dell’elaborata cucina nobiliare e caposaldo della tradizione gastronomica popolare. Con il passare del tempo la pratica della trasformazione del latte in “Grana” si diffonde, tanto da diventare uno dei pilastri dell’economia agricola.
La sua area di produzione è il Piemonte, la Lombardia (esclusa Mantova a sud del Po), l’Emilia Romagna (escluse Parma, Reggio Emilia, Modena e Bologna a sinistra del Reno), il Veneto (esclusa Belluno) e parte del Trentino.
Il Grana Padano DOP è uno dei formaggi più conosciuti e apprezzati, sia in Italia che in tutto il mondo. Il Grana prodotto nella provincia di Trento viene commercializzato come “Grana Trentino”.
La Denominazione di Origine Protetta è stata riconosciuta il 12 giugno 1996.
Il grana padano è di pasta granulosa, cotta di tipo semigrasso. Viene utilizzato il latte ottenuto da due mungiture, la prima lasciata riposare alcune ore per ottenere una parziale scrematura. La lavorazione prevede l’utilizzo di grosse caldaie di rame e una lunga serie di operazioni che iniziano con l’aggiunta del siero innesto naturale e terminano circa un anno e mezzo dopo, alla fine del periodo di stagionatura. Al termine di questa ultima fase, arriva il momento più atteso di tutto il lungo iter produttivo: la marchiatura definitiva (prima viene stampigliato un marchio provvisorio “a quadrifoglio”.
L’operazione è preceduta da un accurato esame su ogni singola forma. Solo quelle che lo superano a pieni voti sono infatti ammesse a ricevere il sigillo a fuoco (rombo) “Grana Padano”. Le forme hanno notevoli dimensioni: diametro 35-45 cm, altezza 20-25 e peso variabile dai 24 ai 40 kg. La crosta, dura e liscia, è spessa dai 4 agli 8 mm ed ha un colore giallo scuro. La pasta interna è granulosa e sotto la pressione del coltello si rompe a scaglie.

GRANA PADANO DOP FOTO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *